Azienda | Storia

Macchine automatiche per scatolifici e cartotecniche dal 1990

Era il 1990 quando Europrogetti iniziava a costruire macchine per scatolifici e cartotecnica. Inizialmente il settore di riferimento era quello calzaturiero, che richiedeva scatole di dimensioni piuttosto standard. Per questa specifica esigenza fu creata “DELTA”, una linea meccanica interamente automatica per scatole rivestite.

Seguendo le richieste e le esigenze di un mercato in continua evoluzione, l’offerta di Europrogetti si è quindi ampliata notevolmente negli anni mettendo a punto macchine per la produzione di scatole particolari e con ampia disponibilità di forme e dimensioni, utilizzate in svariati settori merceologici:

 

  • profumi
  • gioielli
  • cellulari
  • cd e dvd
  • occhiali
  • giochi
  • calzature
  • liquori
  • tessile

 

 

La nostra storia sono le nostre creazioni

 

  • 1990 – linea Delta, linea automatica per rivestimento scatole
  • 1995linea AC1060 per l’accoppiatura in automatico di carta / cartone.
  • 1998 – linea rotativa con cambio formato rapido e completamente automatizzata per scatole rivestite, denominata “ROTARY”.
  • 1999 – linea per scatole rivestite con caratteristiche uniche di flessibilità,
    denominata “EP170”, la prima linea con rimbocco sequenziale brevettato.
  • 2005 – Linea “EP240”, concepita anche per la produzione di scatole rivestite
    con forme geometriche particolari.
  • 2009linea “EP175”, evoluzione della EP170 con il sistema antibolle brevettato.
  • 2010 – accordo con la società giapponese Fuchu-Shiko per i mercati asiatici.
  • 2011linea “EP150”, per i settori della profumeria, occhialeria e gioielleria.
  • 2013“EP100″, linea stand-alone di costo ridotto, di poco ingombro e montata su ruote che realizza scatole di piccole e medie dimensioni senza l’utilizzo del termosaldante.
  • 2014 – Introduzione del trasporto del cartone per mezzo di cinghie sincrone per garantire il controllo totale del fustellato.
  • 2016 – linea “AC1060/3”, evoluzione della linea di accoppiatura con l’esclusivo “Twin System” per l’accoppiaggio rigoroso del fronte-retro.
Scroll to Top